Il Piemonte si presenta in una nuova luce a New York

Un Piemonte inedito che combina diverse esperienze, come una visita allo stadio con i giocatori della Juventus o una caccia al tartufo. Con questa missione una ‘task force’ composta da rappresentanti di diversi enti regionali ha incontrato nella sede del consolato italiano a New York giornalisti e operatori turistici americani.
‘Exclusive Experiences’ è stato organizzato in collaborazione con l’Enit ed è stato introdotto dal console generale d’Italia a New York, Francesco Genuardi.
“Questo incontro – ha detto – è la prova che l’Italia è fatta da 20 regioni e non solo Roma o la Toscana. Il Piemonte è una regione speciale perché tutto è cominciato da lì, è da lì che è partita l’unificazione dell’Italia. È inoltre una combinazione di diversi fattori, moda, cibo, tecnologia, cultura, una ricetta fantastica che ne fa una regione appetibile e non a caso il New York Times l’ha inserita nella lista dei 52 posti da visitare nel 2017”.
Il concetto di ‘Made solo in Piemonte’ è stato ribadito anche da Maria Elena Rossi, direttrice dell’ente turismo del Piemonte, che pur non escludendo che per gli americani valga la pena di visitare il Piemonte per i luoghi noti come le Alpi e le località sciistiche, il lago Maggiore e Stresa, Torino, Langhe-Roero e Monferrato il cui paesaggio vitivinicolo è diventato patrimonio dell’Unesco, ha suggerito anche di fare esperienze, come appunto la caccia al tartufo e una visita allo stadio.
“Siamo qui – ha detto Rossi – per proporre prodotti turistici al mercato americano e che possono tradursi in una crescita per il nostro territorio. Un’esperienza ‘Made solo in Piemonte’ per godersi al massimo tutto ciò che siamo in grado di offrire. Va bene il nostro patrimonio culturale ed enogastronomico, ma perché non offrire anche altro, come un’esperienza con la Juventus oppure la caccia al tartufo bianco?”.

News Correlate