sabato, 16 Gennaio 2021

Unesco, Monviso diventa Riserva Biosfera

“Formazione, conoscenza e sviluppo sono i 3 pilastri su cui poggia questo progetto comune trans frontaliero di tutela e valorizzazione dell’ambiente attorno al Monviso. Un progetto che potrà arricchire molto i rapporti tra Italia e Francia sull’ambiente”. È quanto ha affermato Segolene Royal, ministro francese dell’Ambiente, che ha tenuto a battesimo la Riserva della Biosfera transfrontaliera del Monviso, riconosciuto come tale dal programma MaB – ‘Man and Biosphere’ – dell’Unesco.   
Il parco entra così nella rete mondiale delle riserve della biosfera, che conta 621 biosfere, di cui 12 transfrontaliere, in 117 Paesi del mondo. Il Monviso è la 9^ riserva della biosfera in Italia. Si aggiunge a quelle già esistenti di Selva di Collemeluccio, Circeo, Miramare a Trieste, Parco del Cilento, Somma Vesuvio, Valle del Ticino, Parco dell’arcipelago toscano e Selva Pisana.
risultato raggiunto, ha ricordato Barbara Degani, sottosegretario italiano all’Ambiente, grazie “all’importante lavoro comune tra italiani e francesi nella tutela di un’area unica in fatto di biodiversità”.   
La candidatura del Monviso, riconosciuta dall’Unesco lo scorso 28 maggio, è stata sostenuta dalla Regione Piemonte, che ‘brinda così per la seconda volta a distanza di pochi giorni dal sì definitivo della candidatura dei paesaggi di Langhe-Roero e Monferrato a patrimonio dell’Umanità.
“Siamo molto soddisfatti – commenta Alberto Valmaggia, assessore all’Ambiente e alla Montagna della Regione Piemonte – del riconoscimento che premia un territorio dove la tutela di uno straordinario patrimonio ambientale si coniuga con uno sviluppo economico del tutto sostenibile, modello che vorremmo riuscire a replicare in altre zone del nostro arco montano”.    

News Correlate