martedì, 26 Gennaio 2021

Ostuni punta su itinerari in bici e mobilità sostenibile

In occasione della Bit di Milano, il Comune di Ostuni ha presentato gli itinerari naturalistici e storico-culturali anche attraverso modalità di percorrenza sostenibile. Particolare attenzione è stata riservata all’’itinerario che percorre la Valle d’Itria lungo le strade di servizio dei canali dell’Acquedotto Pugliese; un’opera realizzata dalla Regione Puglia sui sentieri dell’Acquedotto e che interessa 20 km di itinerari ciclabili e che attraversa il territorio di Ostuni per 5 km tra paesaggi caratteristici della valle d’Itria. L’altro asse che il Comune di Ostuni ha realizzato da 7 anni, interessa tutta la via Traiana mentre si stanno ultimando i lavori della ex casa cantoniera dell’Anas, a Montalbano dove sorgerà un Albergabici con 20 posti letto, officina per cicloturisti e tutta un’attività di servizio per turisti in bici di lunga percorrenza che arrivano in particolar modo dal nord Europa e l’altro intervento è quello che si realizzerà a breve con la demolizione dell’ex lido Stefan, lungo la costa e nell’area del parco per realizzare un lido per cicloturisti e dove non ci sarà parcheggio auto ma tutta una attività di servizio per chi intende fruire della costa con la bici o mezzi sostenibili. Inoltre, è stato presentato un intervento, in fase di completamento, che interessa lo scalo ferroviario di Ostuni. Dopo aver recuperato, negli anni scorsi, l’ex stazione ferroviaria dismessa di Fontevecchia, presso la stazione ferroviaria ostunese si sta allestendo, in collaborazione con Rfi, una ciclo stazione con rastrelliere, pannelli illustrativi riguardanti l’area del parco nel territorio di Ostuni e le canaline lungo i sottopassi per consentire il passaggio delle biciclette.
Il 2 marzo, infine, sarà presentata l’iniziativa ‘Vivi il parco: treno + bici’, per un accordo tra la Regione e Trenitalia per viaggiare con la bici al seguito sui treni per cui arriveranno nella ‘Città bianca’ il flusso di cicloturisti per un primo esempio di turismo con pacchetti alberghieri con arrivo in treno, pernotto nelle masserie del parco e ritorno col treno per un weekend a contatto con la natura e in bici.

News Correlate