Richiesta cassa integrazione per dipendenti di 3 aeroporti sardi

Dopo l’aeroporto di Olbia anche quelli di Alghero e Cagliari optano per la cassa integrazione dei dipendenti a causa dell’emergenza coronavirus. Lo scalo gallurese ‘Costa Smeralda’ ha giocato d’anticipo con una lettera dell’AD della società di gestione (Geasar), Silvio Pippobello, a tutto il personale. Ora anche i gestori del ‘Riviera del corallo’ di Alghero (Sogeaal) e del ‘Mario Mameli’ di Elmas (Sogaer) hanno formalizzato la scelta degli ammortizzatori sociali in due distinte conference call tra i rispettivi rappresentanti aziendali e gli esponenti territoriali di Confindustria e delle sigle sindacali di settore: Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Ugl Trasporto Aereo.

Sebbene la situazione dello scalo Cagliari sia diversa da quella degli altri due perché è tra quelli tenuti in vita dal decreto della ministra De Micheli, la partita dei tre aeroporti sardi sarà affrontata unitariamente in una videoconferenza in programma domani, mercoledì 18 marzo, tra la Regione e le società di gestione. Secondo quanto apprende l’ANSA, ad Alghero, in particolare, la prospettiva è quella della cig a zero ore per tutti i 243 dipendenti di Sogeaal.

News Correlate