Musumeci: sì all’arrivo dei turisti ma rispettando protocolli

“In Sicilia vige una ordinanza che consente solo mobilità infraregionale e che scade il 7 giugno. O noi anticipiamo la nuova ordinanza quindi ci allineiamo alle altre regioni oppure manteniamo l’ordinanza e partiamo l’8 giugno. Aspettiamo la Conferenza delle Regioni per avere il dato epidemiologico”. Lo ha detto il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, rispondendo ai cronisti in conferenza stampa, a Palazzo d’Orleans.

“Quello che chiediamo ai turisti – ha poi aggiunto – non +è una patente d’immunità o una patente sanitaria, ma un protocollo di sicurezza. Col collega della Sardegna abbiamo la stessa ansia e lo stesso interesse: fare economia e non seminare morti. I dipartimenti Salute e Turismo stanno lavorando a un protocollo, vorremmo che linee generali venissero date dallo Stato, che proprio domani incontreremo nella Conferenza delle Regioni col premier Giuseppe Conte per indicare una linea omogenea: la mobilità regionale non può essere a macchia di leopardo”.  E a proposito delle dichiarazioni del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha risposto: “l’amico Sala se vuole venire in Sicilia, con piacere: non gli chiederemo alcuna patente, neppure quella dell’auto. Mi sembra una esagerazione la sua, non tutti gli amici della Lombardia o dell’Emilia Romagna sono portatori di virus. Sala ha fatto una battuta infelice, chiunque vorrà venire in Sicilia rispettando protocollo sicurezza sarà il benvenuto”.

News Correlate