Turismo accessibile, la Sicilia a che punto è?

“In Sicilia si parla di turismo accessibile dal 2011 grazie alla nostra realtà ‘Sicilia turismo per tutti’ che ha puntato su Siracusa, grazie anche a lungimiranza del sindaco Francesco Italia già da quando era assessore al turismo, armonizzando turismo e città inclusiva”. Lo ha detto Bernadette Lo Bianco, presidente di Sicilia turismo per tutti e consigliere addetto dello Skal Palermo nel corso dell’Open Forum dedicato al turismo accessibile organizzato da travelnostop.com e Skal.

“Abbiamo iniziato – ha aggiunto – rispondendo alle esigenze dei turisti con disabilità sensoriali, con mappe tattili nei maggiori monumenti e visite guidate in lis. Ma c’è ancora tantissimo da fare soprattutto per quanto riguarda la difficoltà nello spostamento delle persone con difficoltà motorie. Dal 2011 riceviamo richieste con un aumento esponenziale perchè abbiamo adottato accorgimenti per l’accessibilità per tutti. E non è un caso che in questo periodo post coronavirus, la prima grossa prenotazione è arrivata da un gruppo di 30 persone con disabiltà motoria che arriveranno a metà luglio e resteranno per dieci giorni a Siracusa. Ora stiamo cercando una struttura grande per soddisfare questa richiesta”.

News Correlate