mercoledì, 19 Gennaio 2022

Bernadette Lo Bianco e la sfida, vinta, del turismo accessibile

Allargare a tutta la Sicilia il progetto di Siracusa come prima città del Sud Italia a misura di disabile. Questa la speranza di Bernadette Lo Bianco che, come presidente dell’associazione “Sicilia turismo per tutti”, ha posto le basi di un nuovo modello di visione del viaggio che non deve essere limitato a chi ha delle disabilità permanenti.

«La nostra associazione – dice Lo Bianco – ha vinto una grande sfida, proponendo proposte turistiche attente alle esigenze di tutti i tipi di esigenza. Il nostro segmento di mercato non riguarda solo le classiche disabilità, ma riguarda anche mamme con i bambini piccoli, gli anziani, le persone che hanno delle intolleranze alimentari. Stiamo parlando quindi di un segmento di mercato vasto e davvero aperto alle esigenze di tutti».

Parlando delle origini della sua idea Lo Bianco sostiene che «ad averla ispirata è il fatto che si pensasse di avere chiuso il cerchio di tutti i tipi di turismo, quando in realtà mancava il “turismo accessibile”, che completa il quadro dell’offerta turistica».

Ma non è finita. «Ogni tappa che raggiungiamo – conclude la presidente – ci porta a volere fare di più. Abbiamo contaminato Siracusa con mappe tattili per permettere ai non vedenti di conoscere la città. Ora vorremmo che l’idea si estendesse a tutta la Sicilia e magari a tutta Italia».

 

News Correlate