martedì, 28 Settembre 2021

La provincia iblea lavora a una guida sul turismo accessibile

Una guida turistica che indica l'accessibilità dei luoghi d'interesse nella provincia iblea. Il progetto è stata presentato a Chiaramonte Gulfi dalle associazioni Movis e QRBox Essere Scicli che puntano a realizzare una guida turistica che indichi l'accessibilità nei luoghi d'interesse culturale, negli alberghi, nei ristoranti, nelle spiagge, negli stabilimenti balneari, nelle riserve naturali, nei locali notturni. In particolare, l’obiettivo è censire tutti i luoghi d'interesse turistico dell'intera area iblea, con particolare attenzione ai Siti Unesco, per ricavare, da questi, una mappatura del loro grado di accessibilità.
In una fase successiva, le informazioni verranno trasferite su una guida cartacea e, soprattutto, in un portale web da inserire nei circuiti internazionali del turismo accessibile. Il progetto vedrà la partecipazione di tutti i comuni della provincia iblea, delle due diocesi di Ragusa e Noto, della Commissione Nazionale Unesco; dell'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco Assisi; dell'assessorato regionale al Turismo, di quello ai Beni Culturali e all’Ambiente e Territorio.
Saranno coinvolti anche la Soaco, società di gestione dell'aeroporto di Comiso, e il Kikki Village di Modica, il villaggio vacanze pensato per accogliere anche persone con difficoltà di movimento e ospiti in carrozzina. I lavori sono stati aggiornati al prossimo 13 gennaio 2014, sempre a Chiaramonte Gulfi.

 

 

News Correlate