mercoledì, 8 Dicembre 2021

Legambiente promuove coste siciliane per turismo sostenibile

E Armao si impegna per corretta fruizione del patrimonio archeologico sottomarino

Sicilia dalla due facce per Legambiente che assegna la 'Bandiera nera' al sindaco di Palermo, Diego Cammarata, per non aver demolito le ville abusive di Pizzo Sella, così come sancito dalla sentenza della Corte di Cassazione del 15 febbraio 2002, e che invece premia 32 comuni con le Vele della Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano. Regine delle vele sono Santa Marina Salina, San Vito Lo Capo e Noto, che conquistano il massimo riconoscimento della Guida Blu, ossia le cinque vele. Menfi, Pantelleria, Favignana e Cefalù, invece, sono premiate con le quattro vele, mentre a Lampedusa e Linosa, Ustica, Custonaci, Brolo, Modica, Marsala, Lipari, Portopalo di Capo Passero, Sant'Agata di Militello, Taormina e Capo d'Orlando ne vanno tre. Due vele per Sciacca, Selinunte, Campobello di Mazara, Patti, Erice, Gioiosa Marea e Piraino. Una vela, infine, per Termini Imerese, Scicli, Acireale, Cinisi, Santa Croce Camerina, Pozzallo e Ispica.

E sempre a proposito di mare, l'assessore regionale dei Beni culturali, Gaetano Armao ha confermato che entro quest'anno verranno realizzati a Palermo il Museo del Mare ed a Gela il Museo del Mare Antico e che il decalogo Salvalarte del Mare sarà legge. L'assessore infatti intende emanare un decreto attuativo, che renderà vincolanti i comportamenti consigliati nel decalogo, cosi che tutti i fruitori del mare dovranno attenersi a queste regole per garantire una corretta tutela e fruizione del patrimonio archeologico sottomarino.

News Correlate