mercoledì, 20 Gennaio 2021

Madonie senza barriere, i sentieri geologici fruibili anche dai diversamente abili

A seguito della deliberazione del Comitato Esecutivo, presso la sede di Palazzo Pucci Martinez, è stato firmato il protocollo di intesa tra Ente Parco, Comune di Petralia Sottana e Associazione Haliotis.
“Puntiamo così – spiega il presidente dell’Ente Parco delle Madonie Angelo Merlino – alla realizzazione di attività di fruizione turistica, educazione ambientale e divulgazione scientifica con riferimento al patrimonio archeologico, geologico ambientale ed eventuali risvolti etno-antropologici del comprensorio madonita a promozione e sviluppo dell’European Geopark. In particolare verrà sviluppata una tecnologia che permetterà, tramite i codici QR e l’utilizzo di tablet o smartphone, la fruizione dei sentieri del parco a persone diversamente abili, in continuità dello spirito del progetto “Break the limit, il turismo oltre le barriere”.

L’Ente Parco delle Madonie Geopark Unesco che, fin dalla sua istituzione, ha promosso e sviluppato attività progettuali a sostegno della conservazione della natura, della valorizzazione e dello sviluppo sostenibile a livello locale e regionale, considerato che il suo territorio é caratterizzato da un elevato grado di geodiversità degli affioramenti rocciosi che ne costituiscono i rilievi, ha accolto la proposta progettuale dell’associazione no profit Haliotis che prevede la realizzazione della “Carta informatizzata dei Geositi” quale valido strumento per la conoscenza geologica del territorio, nonché per la pianificazione territoriale e per la tutela ambientale – paesaggistico.

Certamente tra i siti di maggiore interesse quello di Vallone Scopalacqua ricadente nel territorio di Petralia Sottana inserito nel sentiero geologico Geopark “le Pietre e l’Acqua”. Con questo protocollo d’intesa il sito, oltre ad essere inserito nella Carta informatizzata dei Geositi, sarà arricchito dall’Associazione Haliotis con la realizzazione di capannine in larice e cartelloni esplicativi.

Punto di riferimento sarà il Museo “A. Collisani” nella sua sezione “Giuseppe Torre”. Una convenzione che si inserisce anche nel cammino che negli anni hanno intrapreso in sinergia il comune di Petralia Sottana e l’Ente Parco attraverso la sottoscrizione di apposite convenzioni per un percorso finalizzato alla realizzazione di azioni volte a favorire lo sviluppo sostenibile ed il geoturismo, nonché la conoscenza e la divulgazione delle emergenze geologiche presenti nel territorio. Senza barriere.

News Correlate