Land Tour e l’estate alternativa: niente estero, focus sul prodotto Sicilia

A causa delle incertezze sulla reale apertura delle frontiere intra-europee (Schengen) e sulle restrizioni che ogni nazione potrà apportare/proseguire sia sul proprio territorio e sia in uscita ed in entrata dai propri confini, Land Tour ha deciso di sospende i programmi organizzati in Europa.

“È per questo che a malincuore, e con forti perdite economiche avendo già versato ingenti acconti a compagnie aeree ed altri fornitori esteri, per l’estate 2020 siamo costretti a rinunciare alle nostre molto apprezzate destinazioni europee”, fanno sapere dal TO palermitano

Allo stesso tempo Land Tour ha maturato la determinazione di proporre valide alternative da offrire alla clientela che “ci segue da 15 anni in questo nostro percorso di Tour Operator orientato costantemente all’innovazione di prodotto e del modo di fare viaggi organizzati di gruppo”.

“Sfruttando l’esperienza che abbiamo sempre mantenuto creando programma in Sicilia personalizzati per tante adv italiane, vogliamo scommettere sulla voglia e la necessità di fare vacanze di “prossimità” in sicurezza per la clientela italiana e anche per il mercato siciliano. E così a breve verranno lanciate sul mercato tutta una serie di strutture in diverse località della nostra isola.
Ma per questa estate vogliamo dare anche l’opportunità ai viaggiatori italiani in generale e siciliani in particolari di conoscere finalmente la storia, le bellezze artistiche, architettoniche e paesaggistiche della Sicilia. E per questo stiamo definendo dei programmi molto speciali, nello stile LAND CONCEPT TOUR per la clientela individuale con accesso a piccoli gruppi, accompagnati da guide d’eccellenza; programmi che punteranno sulla conoscenza e valorizzazione del nostro “Continente Sicilia” dando contemporaneamente ampio spazio a giornate di relax in piscina e al mare in alberghi di qualità appositamente selezionati per le iniziative”, conclude il TO.

News Correlate