lunedì, 6 Dicembre 2021

Visite guidate, ma solo sui social, per scoprire i segreti di sei borghi

Le purrere del quartiere saraceno di Sambuca di Sicilia, cave di tufo che secondo la leggenda erano popolate da fantasmi; la chiesa di San Demetrio, culla del culto greco-ortodosso a Piana degli Albanesi, l’enclave arbereshe dell’Isola; il castello di Sutera su monte San Paolino, che domina a 360 gradi tutta la vallata. E ancora i gioielli nascosti di Sperlinga (nella foto di Petyx), Licodia Eubea, Portopalo di Capo Passero, Monterosso Almo. Da occidente a oriente della Sicilia, Le Vie dei Tesori parte alla scoperta di sei gioielli nascosti in altrettanti borghi siciliani. Visite guidate che consentiranno di conoscere storie, tradizioni, segreti, piccoli capolavori celati tra i vicoli di paesi di montagna e di mare. Chiese, castelli, palazzi storici. E lo fa attraverso sei puntate trasmesse sui social, intitolate l’Isola dei Tesori e patrocinate dall’assessorato regionale al Turismo.

“Sono stati e sono mesi difficili per il turismo che sappiamo essere uno dei settori strategici dell’economia siciliana. L’opportunità di promuovere visite guidate ai ‘gioielli’ dei nostri borghi, attraverso un format sui canali social, è fondamentale per conoscere storie e tradizioni di luoghi ai più sconosciuti, oltre ad apprezzarne i beni artistici e monumentali – dice l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina – La continua sperimentazione di promozione culturale e turistica, che mettono in atto Le Vie dei Tesori, ci convince sempre più che è questa la strada da seguire se vogliamo far sì che la Sicilia diventi sempre più terra di grande attrazione turistica. E in attesa di tempi migliori e di poter viaggiare liberamente, lavoriamo per mettere in mostra la nostra Isola”.

La prima puntata, già visibile online sul canale Youtube delle Vie dei Tesori, ha per protagoniste le misteriose cave di Sambuca di Sicilia. Le altre puntate saranno trasmesse, sempre alle 21, venerdì 18, lunedì 21, mercoledì 23, sabato 26, lunedì 28, mercoledì 30 dicembre.

“In un momento in cui i luoghi della cultura sono chiusi – dice il presidente delle Vie dei Tesori, Laura Anello – abbiamo pensato di offrire la possibilità di scoprire il nostro patrimonio sommerso attraverso video belli e racconti appassionati, sperando sia possibile tornare al più presto alle visite dal vivo. E abbiamo deciso di farlo partendo dai borghi, tesoro straordinario e spesso non sufficientemente conosciuto, e che acquisiscono una nuova centralità nel turismo di prossimità e di territorio che caratterizzerà i viaggi del prossimo futuro”.

CANALE YOU TUBE    Pagina FB

News Correlate