lunedì, 17 Gennaio 2022

Dimore e castelli valdostani aprono le porte ad eventi e convegni

“Stiamo lavorando con l’assessorato della Cultura per arrivare ad una gestione organizzata dell’affitto delle location per eventi, effettuando, nell’ambito del progetto Mice, uno studio con altri castelli e dimore storiche per determinare un tariffario d’uso dei castelli valdostani”. È quanto ha affermato Aurelio Marguerettaz, assessore al Turismo, rispondendo a un’interrogazione presentata in Consiglio regionale dal Movimento 5 Stelle per conoscere le attività svolte dal VdA visitors and convention bureau per lo sviluppo del turismo congressuale in Valle d’Aosta.

“La prima attività svolta, in collaborazione con l’Associazione degli albergatori della Valle d’Aosta e i Comuni, è stata quella della ricognizione dell’offerta: una mappatura capillare di tutte le location idonee ad ospitare eventi congressuali, raccogliendo informazioni tecniche, materiale iconografico, disponibilità di camere in alberghi nelle immediate vicinanze. Sono stati individuati 8 cluster territoriali per l’offerta Mice in Valle d’Aosta, che sono quelle zone che hanno la maggiore concentrazione di location unita ad un’adeguata dotazione di camere d’albergo; le location che presentano la maggiore attrattività e sulle quali si concentrerà quindi l’attività di comunicazione e promozione; i punti di forza che contraddistinguono l’offerta Mice VdA e il relativo messaggio”.

L’offerta Mice VdA è confluita in un volume guida presentato agli stakeholders lo scorso mese di luglio.
“Nel secondo anno – ha proseguito Marguerettaz  – è stato realizzato il sito vdaconvention.it e aostavalleyconvention.com, di prossima pubblicazione, in tre lingue: si tratta di un sito che si rivolge ai professionisti del settore che ha il duplice obiettivo di attrarre i potenziali clienti e di fornire loro tutte le informazioni necessarie.

Infine – ha spiegato Marguerettaz – sono stati organizzati eventi con finalità promozionale rivolti ai professionisti del settore e sono stati identificati i mercati esteri di primo intervento. A ottobre a Saint-Vincent giungeranno 300 persone per partecipare al convegno annuale degli operatori della comunicazione istituzionale denominato ‘ComLab’ ed è in corso la candidatura di Courmayeur per l’attrazione nel 2017 dello Ski Meeting interbancario”. 

News Correlate