lunedì, 25 Gennaio 2021

Rinascimento reggiano e modenese nell’episodio finale di ‘Un reporter in valigia’

L’ultimo episodio della web-serie ‘Un reporter in valigia’, che in questa stagione si è occupato dell’Emilia, è un tuffo nel passato tra bastioni altomedievali e palazzi rinascimentali di piccole cittadine di campagna.
“La mattina – ricorda il video-reporter Mirco Paganelli – la nebbia si alzava sulla sponda sud del fiume Po inglobando il borgo di Gualtieri che con le sue architetture da capitale risultava alieno al contesto rurale”.
Da lì il viaggio è proseguito nella vicina Guastalla che è stata un importante centro rinascimentale, oggi apprezzata per lo shopping e il suo clima rilassato. Dal Reggiano ci si sposta poi con il racconto in prima persone dell’autore dei video a Castelvetro di Modena, “una perla collinare – così la descrive – con una piazza scenografica che si apre verso la pianura e che abbraccia i luoghi di produzione dei molti prodotti tipici della zona. La solennità del castello di Vignola è stata il perno della mia visita a quest’altro borgo molto frequentato”. Un viaggio che ha trovato il suo compimento tra il torrione e il castello di Spilamberto, l’ultima tappa di questa esperienza emiliana.
“Questo viaggio mi ha insegnato che non c’è bisogno di andare in capo al mondo per vivere l’emozione della scoperta”, confessa Paganelli che vive in Romagna e che dunque non ha dovuto fare molta strada a metà dicembre scorso per girare i video. “È stato il viaggio più vicino a casa che abbia mai fatto con ‘Un reporter in valigia’, eppure c’è chi mi ha detto su Instagram che è stato quello con cui ho raccolto le immagini più emozionanti di tutti i miei viaggi. Ho avuto così modo di cogliere quell’aspetto non-negativo della pandemia che è la riscoperta del nostro patrimonio culturale e paesaggistico. Si tutela solo ciò che si conosce”, esorta l’autore, “dunque continuiamo ad esplorare le bellezze vicino casa. Io continuerò a farlo”.
L’ultimo episodio della stagione ‘Emilia – valli, piatti e castelli’ è stato pubblicato su YouTubeFacebook e Instagram.

News Correlate