mercoledì, 18 Maggio 2022

Giro d’Italia, Bolzonello: traino per turismo montagna

“Anche quest'anno lo Zoncolan ha fatto centro: sotto il profilo sportivo ha sancito il vincitore del Giro, Nairo Quintana, ha richiamato lungo il percorso e al traguardo migliaia di appassionati e ha bucato televisivamente. Sono convinto che il 'Kaiser' possa rappresentare la marcia in più sulla quale puntare, sotto il profilo promozionale, per sviluppare il turismo in Carnia e più in generale nell'intera montagna friulana, d'estate e d'inverno”. È quanto ha affermato Sergio Bolzonello, vicepresidente del Friuli e assessore alle Attività produttive, parlando del Giro d'Italia.
Bolzonello ha sottolineato che anche grazie alla fusione tra Turismo Fvg e Promotur “ora abbiamo finalmente posto fine alle inutili e dispendiose sovrapposizioni di azioni e competenze. Ora lavoreremo assieme agli amministratori locali, agli operatori, agli esercenti, ai consorzi per continuare a richiamare sul territorio, sia d'estate che d'inverno, sotto un'unica regia, anche solo una parte di chi ha assistito alla tappa, dal vivo o in televisione. È una visibilità eccezionale, che può darci un ritorno importante, economico e d'immagine. Partiamo da qui, dal 'brand' Zoncolan, per guardare al futuro con voglia di fare e con rinnovato ottimismo per rilanciare la Carnia, la nostra montagna e l'intero Friuli Venezia Giulia, capace di fare sistema e trovare nel turismo una prospettiva importante di rilancio economico e occupazionale", ha concluso Bolzonello, confermando che l'obiettivo è di fare ritornare il Giro d'Italia in Friuli Venezia Giulia e ancora sullo Zoncolan, che "deve diventare l'emblema del ciclismo, oltre che una specie di marchio per l'immagine turistica della regione”.

News Correlate