venerdì, 14 Maggio 2021

Federturismo a Shanghai per incrementare i flussi turistici cinesi in Italia

Il 9 e 10 maggio Federturismo, rappresentata dal consigliere di presidenza Vittorino Capobianco – di SEA Aeroporti di Milano – parteciperà al World Bridge Tourism di Shanghai: un progetto sostenuto dall’Unione Europea e condiviso con l’Etoa per incrementare i flussi di turisti dalla Cina in Europa. Saranno due giornate di lavoro preparatorie che si articoleranno in una conferenza istituzionale e in un workshop B2B tra le imprese dell’Ue e gli operatori cinesi per analizzare, in previsione del 2018 che sarà l’anno del turismo fra Europa e Cina, le esigenze e le preferenze dei turisti cinesi in base alla specificità della domanda e ai loro modelli di comportamento.

“In un’Europa particolarmente attrattiva per storia e tradizione, oltre che per i famosi brand legati alla moda e al lusso – sottolinea il presidente di Federturismo Confindustria Gianfranco Battisti – l’incoming dalla Cina rappresenta un asset strategico fondamentale, da sfruttare per preparare le imprese turistiche ad accogliere al meglio i 10 milioni di viaggiatori cinesi previsti entro il 2019.

Rispetto ad un mercato in forte crescita e in rapido movimento che con i suoi 135 milioni di viaggiatori outgoing si è confermato anche nel 2016 il paese top spender nel turismo, per il quale l’Italia con 3,3 milioni di arrivi rappresenta il quarto bacino dell’outgoing, dobbiamo fare in modo -conclude Battisti – che il nostro Paese diventi nei prossimi anni una meta di riferimento della classe media cinese. Per facilitare i flussi occorre però adottare una mirata politica di marketing, imperniata su una maggiore attenzione alla cultura e ai gusti dei viaggiatori cinesi e lavorare su alcuni punti di debolezza tra i quali la semplificazione dei visti e l’incremento dei collegamenti aerei diretti” .

News Correlate