martedì, 27 Settembre 2022

In Cina cresce il turismo della neve nello Jilin. Ed è boom di visitatori nello Xinjiang

La provincia cinese dello Jilin ha costruito 54 stazioni sciistiche e 279 piste da neve con una capacità massima giornaliera di circa 100.000 visitatori. Attualmente, i Monti Changbai stanno diventando una destinazione turistica influente a livello internazionale e stanno ampliando le offerte di turismo legato alla neve e al ghiaccio. Oltre allo sci, le sorgenti termali locali, gli splendidi paesaggi innevati e le sue tradizioni popolari uniche attirano molti turisti nella zona nei mesi invernali. A ottobre 2021, Jilin ha presentato un progetto, con l’intento di diventare un centro sciistico di livello mondiale, dato che gli sport invernali stanno guadagnando terreno in vista delle imminenti Olimpiadi Invernali di Pechino 2022. Secondo il progetto, entro il 2025, il valore del settore della neve e del ghiaccio di Jilin dovrebbe superare i 250 miliardi di yuan (circa 39,4 miliardi di dollari) ospitando un totale di 100 stazioni sciistiche.

Inoltre, sono più di 190 milioni i turisti che si sono recati nella regione autonoma Xinjiang Uygur della Cina nordoccidentale nel 2021, con un aumento del 20,5% rispetto al 2020. Lanno scorso la regione ha registrato entrate totali derivanti dal turismo pari a quasi 141,6 miliardi di yuan (circa 22,4 miliardi di dollari), in aumento del 42,7%. Il governo regionale si è impegnato a rendere lo Xinjiang Uygur un’area turistica chiave e una destinazione di successo a livello mondiale. Il turismo è diventato una delle principali fonti di reddito per la popolazione locale.

News Correlate