giovedì, 29 Ottobre 2020

Polemica tra il giornalista Guido Meda e un ristoratore di La Thuile

“Sono stato trattato alla stregua di un bancomat ambulante. Sai che se tu facessi anche solo finta di avere un po’ di considerazione umana io e gli altri visi pallidi turisti della pianura ti pagheremmo anche più volentieri?”. E’ questo il duro sfogo su Facebook del giornalista di Sky Guido Meda che ha lamentato di essere stato totalmente ignorato in un ristorante di La Thuile, dove era entrato per chiedere un panino e un paio di toast. Il post in 36 ore ha ricevuto oltre duemila ‘mi piace’ e più di 200 condivisioni.

Dal canto suo Claudio Giacchetto, titolare del Les Granges, il ristorante incriminato, ha risposto che il giorno in questione il locale era molto affollato e si stava dando priorità ai clienti che avevano prenotato un tavolo, piuttosto che a coloro che intendevano consumare al bancone. A servire il telecronista della MotoGp, fanno sapere dal ristorante, è stata la moglie, Ester Ollier. “Quando è entrato insieme ad altre persone io avevo ancora la sala piena, erano le quattro del pomeriggio – ha spiegato la donna – non ho alzato lo sguardo, ma non l’avrei comunque riconosciuto, e comunque non sarebbe cambiato nulla, è una persona come le altre. Qui vengono molti personaggi noti, e quando il locale è affollato aspettano tutti. Quindi ho fatto presente che non facciamo i toast e ho elencato i panini, carta e matita in mano. Poi non lo so, mi ha insultata dicendomi che ero stata maleducata. Può darsi che io abbia usato un tono serio, frettoloso. Oggi ho ancora clienti che vengono a consolarmi, dicendomi che l’unico errore che ho fatto è di non averlo riconosciuto. Sono rimasta molto male per ciò che è successo, lui è venuto anche in cucina per insultarmi”.

News Correlate