lunedì, 23 Novembre 2020

A Torino convegno delle Pro Loco, Nardocci: siamo protagonisti

La strada da seguire è quella di fare volontariato in maniera professionale

"Sognare ma senza staccarsi dal nostro territorio": è il messaggio lanciato dal presidente nazionale Unpli, Claudio Nardocci, al convegno nazionale delle Pro Loco a Torino. "Noi – sottolinea Nardocci – abbiamo la vocazione di essere realizzatori di sogni, però abbiamo anche concretezza di lavorare giorno per giorno. Ciò che riflette meglio il senso della nostra attività è proprio questo: sognare, ma senza staccarsi dal nostro territorio".
L'Unpli sta lavorando per far compiere un'ulteriore evoluzione alle Pro Loco (6mila in Italia), che basano la loro attività sul volontariato. "Cambiano i tempi e cambiano i modi di fare cultura e turismo – rileva il presidente – e noi dobbiamo seguirli e addirittura precederli. Per questo abbiamo costituito delle società che possano affiancare i nostri enti con professionisti specializzati in vari ambiti (dalla formazione alla programmazione europea, dalla creazione di un tour operator che propone vacanze nei borghi al decalogo delle sagre di qualità) per fare volontariato in maniera professionale, precisa, rigorosa e pianificata". 
I
n questo periodo, sottolinea l'Unpli, c'é una riscoperta dell'Italia, del territorio e quindi anche delle Pro Loco. "Dobbiamo sfruttare l'occasione – chiosa Nardocci – perché siamo protagonisti. Con la crisi tutti gli enti perdono la loro efficacia per l'assenza di risorse; noi, facendo volontariato, siamo l'unico riferimento per la promozione del territorio".   

News Correlate