Iata: settore aereo rischia debito da 550 mld dollari nel 2020 

Il debito globale del settore aereo potrebbe salire a 550 miliardi di dollari entro la fine dell’anno registrando un aumento di 120 miliardi di dollari rispetto ai livelli di debito dell’inizio dell’anno. La previsione è della Iata secondo cui 67 miliardi di dollari del nuovo debito sono composti da prestiti governativi ( 50 miliardi), imposte differite (5 miliardi) e garanzie sui prestiti (12 miliardi). Altri 52 miliardi di dollari provengono da fonti commerciali tra cui prestiti commerciali (23 miliardi), debito del mercato dei capitali (18 miliardi), debito derivante da nuovi contratti di leasing operativo (5 miliardi) e accesso a linee di credito esistenti (6 miliardi).

“Gli aiuti finanziari sono un’ancora di salvezza per superare il peggio della crisi” spiega Iata nel rapporto aggiungendo che però nella successiva fase di ripartenza ” il carico del debito del settore sarà vicino a 550 miliardi, con un massiccio aumento del 28%”.

“Gli aiuti del governo stanno contribuendo a mantenere a galla l’industria – commenta il direttore generale e ceo di Iata, Alexandre de Juniac -. La prossima sfida sarà impedire alle compagnie aeree di affondare sotto l’onere del debito che gli aiuti stanno creando”.

News Correlate